Telecamere di videosorveglianza domestica: le regole del Garante

Telecamere di videosorveglianza domestica: le regole del Garante

Telecamere di videosorveglianza domestica: le regole del Garante

Il Garante privacy ha divulgato un vademecum per l’installazione e l’utilizzo di videocamere di sorveglianza in ambito personale o domestico. Ecco gli snodi principali della questione.

Chi vuole installare telecamere di videosorveglianza nella propria abitazione, a tutela di beni o persone, può farlo senza richiedere alcuna autorizzazione, ma deve rispettare alcune semplici regole:

  • Le videocamere possono riprendere solo le aree di propria esclusiva pertinenza, e non appartenenti a terzi (giardino o cortile dei vicini, aree condominiali condivise etc.)
  • Le telecamere di videosorveglianza domestica non possono riprendere luoghi pubblichi come strade, aree di passaggio etc.
  • Nel caso in cui non sia possibile evitare la registrazione parziale di aree appartenenti a terzi, vanno adottate misure tecniche di oscuramento della porzione di immagine interessata
  • Eventuali lavoratori e collaboratori domestici oggetto di riprese devono essere informati della presenza delle telecamere
  • Le immagini acquisite mediante le videocamere non possono essere diffuse o comunicate a terzi

Il Garante ha chiarito anche che l’eventuale installazione di cartelli che segnalino la presenza di telecamere è facoltativa e non risponde a obblighi di legge.

Contattaci per una consulenza Privacy